COMUNICATO STAMPA GLI EVENTI DI TEATRO E DANZA

TEATRO e DANZA

La vocazione teatrale del Festival della Biodiversità non si smentisce, e per la decima edizione il palcoscenico naturale del Parco Nord Milano accoglierà numerosissimi spettacoli teatrali, all’ora del crepuscolo e notturni, adatti ai bambini o solo agli adulti, itineranti e partecipativi o più tradizionali. Novità di quest’anno è poi l’apertura alla danza e alla performance: in programma infatti un flash mob, un’esibizione tribal fusion e uno spettacolo di danza organica.

Domenica 11 settembre alle ore 17.30 ritorna sulla scena milanese O’Thiasos TeatroNatura di Roma con Tempeste, spettacolo itinerante tratto dalle Metamorfosi di Ovidio. Sista Bramini intreccerà sapientemente la narrazione e le polifonie nel tessuto emotivo e spirituale delle storie e nel rapporto vivo e diretto con il pubblico. Lo spettacolo nasce in stretta relazione con il luogo che lo ospita e la natura in questo caso viene percepita come uno spazio scenico vivo, che con la sua imprevedibilità accoglie e ingloba artisti e spettatori. Nessuna luce artificiale, palchi e amplificazioni, a vantaggio di un contatto più autentico e consapevole dell’essere umano con il suo ambiente, e di un teatro profondamente coerente tra ricerca artistica e rispetto per l’ambiente. Biglietto € 5, prenotazione consigliata.

Domenica 18 settembre alle ore 17.30 la compagnia Casa degli Alfieri propone 94 passi in giardino, uno spettacolo itinerante ideato e rappresentato da Lorenza Zambon. Va in scena la crescita di un giardino: un percorso visionario in un luogo accogliente ma segreto, messo in scena da una delle più intense rappresentanti del Festival di tutti questi dieci anni.

Per i più piccoli

Sabato 10 settembre alle ore 16 Pandemonium Teatro di Bergamo presenta C’era una volta un cece, un pisello, un fagiolo, e una lenticchia, che lascerà favoleggiare i bambini dai 5 ai 10 anni sulle storie di quattro fagioli protagonisti in un progetto di lettura/narrazione teatrale che si concentra sulla “meraviglia delle leguminose”, presente anche nella letteratura popolare. Biglietto: 1 €.

Sabato 17 settembre alle ore 16.30 presso la Cascina Centro Parco la coproduzione Teatri Soffiati e Finisterrae Teatri di Trento propone invece, per bambini da 3 anni in su, uno spettacolo ispirato alla favola Jack e il fagiolo magico integrato da integrato da un minilaboratorio creato in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento (MUSE), in cui gli attori interagiscono con i bambini per far comprendere loro l’importanza dei legumi per la terra e l’alimentazione. Biglietto 1 €.

Alle h 18 dello stesso giorno il Teatro degli Acerbi di Asti presenta lo spettacolo Pinin e gli spiriti della natura, alla ricerca dei solitari abitatori dei boschi. Massimo Barbero ci condurrà nella natura alla ricerca di Pinin, che vive distante dalla civiltà. Biglietto € 5.

Sul versante danza e movimento

Ad animare la Cascina del Parco Nord domenica 11 settembre alle ore 16.30 sarà il duo Rosita Mariani e Cinzia Severino, dove ambo, terno e quaterna diventano l’alibi per sequenze di movimenti corporei in un susseguirsi di sicuro divertimento. Si tratta di Tombola!, un laboratorio-performance che utilizza il gioco della tombola per creare associazioni di movimenti, gesti e parole con cui formare una danza che esisterà solo ed unicamente in quel momento.

Alle ore 18.30 arriva The Tribe a cura di Associazione culturale Lab, eleganti danze e movenze che prendono origine dalla bellydance fondendosi con altre danze orientali, indiane e del Nord America.

Sabato 17 settembre alle ore 21.30 è la volta della performance di danza organica Spirali vitali, a cura del Gruppo Alomar Danza di Sondrio guidato da Ilaria Atena Negri. Il pubblico potrà ammirare la danza lenta, spontanea e spiralata di un gruppo di donne coraggiose che ha fatto della danza una terapia, metafora del superamento della malattia attraverso la bellezza del movimento organico.

In programma quest’anno anche un flash mob a cura di Associazione culturale Lab, che catturerà l’attenzione dei visitatori del parco. Domenica 11 settembre alle ore 16 avrà luogo Eye Contact Experiment, un esperimento sociale per diffondere l’empatia e il contatto verso il prossimo attraverso sguardi, sorrisi e abbracci.