Slow Food
gli eventi

VENERDì 17.09

L’OSPITE IMPERFETTO: L’agroecologia, come nutrire il pianeta nell’era dell’antropocene

ore 18.30 presso il MIC

Come trovare sistemi sostenibili per nutrire una umanità in continuo aumento demografico, sempre più urbanizzata e caratterizzata dalle disuguaglianze? E come diventare ospiti meno aggressivi e ingombranti del nostro pianeta? Alla conferenza segue la proiezione del docu-film Le Stagioni di F. Piavoli.

Alle ore 20: Aperitivo sotto le stelle alla terrazza del MIC: degustazione agro-biologica con i prodotti delle Az. Agr. Forestina e Cascina Ospitale. Salumi e Formaggi dell’Arca e Presidi Slow Food, ortaggi biologici e pane di grano evolutivo il tutto accompagnato da birra artigianale

Intervengono: Stefano Bocchi, docente di agronomia; Cristian Benaglio, esperto di agroecologia; Niccolò Reverdini, coltivatore e scrittore. Modera Roberto Giordano. A cura di Slow Food Nord Milano.

SABATO 18.09

VINI TEMERARI PER CLIMI INSOSTENIBILI: La mappa globale del vino trasformata entro il 2050

ore 18.30 presso Cascina Centro Parco

un conferenza con degustazione. A causa del riscaldamento globale, dopo il Regno Unito, Danimarca, Norvegia e Svezia si apprestano a diventare i paesi nascenti della produzione vinicola. La Danimarca si affaccia alla viticoltura perché l’aumento delle temperature medie in Europa, come nel resto del mondo, sta portando a lanciare massicci progetti eno-eroici in Scandinavia nel “triangolo del freddo”.

In degustazione: Vini del nuovissimo mondo

DOMENICA 19.09

VERSO IL MERCATO DELLA TERRA: Mercato di piccoli produttori agroalimentari

tutto il giorno presso Cascina Centro Parco

Il Mercato della Terra con i produttori selezionati da Slow Food. Agricoltori, casari, panificatori, apicoltori, pastai e molti altri che hanno deciso di incontrare direttamente coloro che acquistano e mangiano i loro prodotti. E non solo: per permettere di conoscere tutto ciò che ruota intorno alla produzione del cibo e scoprire le mille curiosità legate alla terra e ai suoi frutti.

LABORATORIO DIDATTICO “I SEMI”

dalle 15.30 alle 17.30 presso Cascina Centro Parco

Imparare ad autoprodursi i semi partendo dalla frutta e dalla verdura. Durante il laboratorio si potranno scoprire diverse tecniche utili a capire come partendo da prodotti diversi, estrarre i semi possa essere utile, bello e anche semplice, usando solo piccoli accorgimenti e tanta pazienza.

Ore 15.30 Un laboratorio per bambini durata: 30min

Produzione di semi di pomodoro con il metodo della fermentazione. Produzione dei semi di peperone con il metodo veloce. Breve spiegazione dei semi della mela e dell’aglio.

Ore 16.30 Un laboratorio per adulti durata 30min-1h

Produzione di semi di pomodoro e cetriolo con il metodo della fermentazione. Produzione di semi di peperone e zucca con il metodo veloce. Spiegazione dei semi dei frutti e dei bulbi, come aglio e cipolle. Spiegazione dei legumi e su come riprodurli in maniera semplice, scegliendo in partenza un seme di qualità.

LABORATORIO DI ACQUILONI

tutto il giorno presso Cascina Centro Parco

Un laboratorio di aquiloni realizzato da Edoardo Borghetti, giramondo del vento, aquilonista di fama internazionale. Durante la giornata, con l’aiuto dei bambini, volerà anche un grande aquilone da competizione.

GIOVEDì 23.09

CLIMA, CIBO, BIODIVERSITA’

ore 18.30 presso MIC 

La biodiversità è la diversità della vita, dal singolo gene fino ai livelli più complessi (ecosistemi). Senza la varietà delle forme viventi, scompare la vita stessa, perché perde la capacità di adattarsi ai cambiamenti. La biodiversità permette ai sistemi agricoli di superare shock ambientali, cambiamenti climatici, pandemie. Consente di produrre cibo con un minore impatto sulle risorse non rinnovabili (acqua e suolo in primis) e con meno input esterni, costosi e dannosi per l’ambiente (fertilizzanti e pesticidi nelle filiere vegetali; antibiotici nelle filiere animali).

Il cambiamento climatico in atto ha ripercussioni drammatiche anche sulla biodiversità. Secondo uno studio pubblicato su Nature, se non si inverte la rotta entro il 2100 si assisterebbe alla scomparsa di almeno il 15% delle comunità animali e vegetali.

Per contrastare le tendenze in atto occorre uno sforzo complessivo così da sviluppare un approccio sistemico in cui siano coinvolti a vario titolo le istituzioni, le imprese, gli agricoltori e i consumatori. Serve cioè un impegno collettivo per costruire un nuovo modello di sviluppo sostenibile ed equo.

DOMENICA 26.09

VERSO IL MERCATO DELLA TERRA: Mercato di piccoli produttori agroalimentari

tutto il giorno presso Cascina Centro Parco

Il Mercato della Terra con i produttori selezionati da Slow Food. Agricoltori, casari, panificatori, apicoltori, pastai e molti altri che hanno deciso di incontrare direttamente coloro che acquistano e mangiano i loro prodotti. E non solo: per permettere di conoscere tutto ciò che ruota intorno alla produzione del cibo e scoprire le mille curiosità legate alla terra e ai suoi frutti.

L’AGRICOLTURA CHE NON SI MANGIA: Gli artigiani del legno

tutto il giorno presso Cascina Centro Parco

LE TROTTOLE: La Ludoteca Itinerante – un sapiente e equilibrato mix di giochi in legno della tradizione popolare e di giochi unici, la bici tornio per crearti la tua trottola e trottole per tutti i gusti – in collaborazione con l’Associazione Artigiana Il Tarlo.

LA BOTTEGA DI BRONTOLONE: storia strumenti tecniche di costruzione e impagliatura delle sedie dal 1600 ad oggi “- L’antico mestiere del “careghete” i seggiolai ambulanti che dall’Agordino muovevano in Italia ed in Europa. Federico Recchia esegue ancora questa lavorazione artistica del legno, con attrezzi antichi e manuali producendo dondoli, sedie e seggiolini fatti per durare cent’anni. E con queste tecniche le costruirà dal vivo.

GIPI DEI MALVISI: Nella bottega già del suo Trisnonno recupera il legno dei suoi boschi ricavandone mobili scolpiti e intarsiati, cornici, taglieri, giocattoli, attrezzi di vita contadina, Seguendo le orme del bisnonno, intreccia filo di ferro e crea cesteria e oggettistica, portavasi, portabottiglie, mannequinnes, bugie, finiti con cera d’api e olii.

VAIA wood: ovvero come un’azienda recupera il legno dei famosi abeti armonici trentini abbattuti dalla tempesta Vaia, creando oggetti utili all’uomo e all’ambiente

UN’ALIMENTAZIONE SOSTENIBILE FA BENE ALLA TUA SALUTE

dalle 15.00 presso Cascina Centro Parco

Secondo la FAO, le diete sostenibili sono quelle a basso impatto ambientale che contribuiscono alla sicurezza alimentare e nutrizionale. Ma non è tutto. Per essere davvero sostenibili le diete devono anche essere rispettose della biodiversità e degli ecosistemi, oltre che accessibili ed economicamente eque e convenienti. In altre parole sicure e sane, per l’uomo e per il pianeta. Per adottare un’alimentazione sostenibile basta seguire alcune semplici regole.

Cibo buono, cibo sano e non vengo da lontano: percorso informativo e sensoriale alla scoperta dei prodotti del territorio

Palestra sensoriale: l’utilizzo dei 5 sensi alla scoperta del cibo di qualità, rivolto a bambini dagli 8 ai 12 anni (e famiglie)

INCONTRO CON I PICCOLI PRODUTTORI

dalle 16.00 alle 18.00 presso Cascina Centro Parco

I piccoli produttori, progetto dei presidi e dimostrazioni pratiche, faranno piccoli interventi in cui si porterà il tema del Festival. Porteranno le loro esperienze di agricoltori, si racconteranno i presidi presenti al mercato e che verranno utilizzati nella cena, infine verrà spiegato come utilizzare un essiccatore per dare nuova vita ad alimenti che non ne avrebbero, evitando di sprecarli.

TEMPI DI RECUPERO: Le verdure ritrovate da un’idea dello chef Carlo Catani

ore 19.00 presso Cascina Centro Parco

In gergo calcistico, i tempi di recupero sono gli ultimi minuti per recuperare la partita. Noi oggi ci troviamo in quei minuti durante i quali dobbiamo cambiare le nostre abitudini alimentari, invertire la rotta e imparare a non sprecare i prodotti» spiega Carlo Catani. L’obiettivo è quello di divulgare un modello di cucina e di alimentazione all’insegna della sostenibilità, che dia valore al cibo e insegni come non sprecarlo, mettendo in pratica: il riuso, cioè il riutilizzo degli avanzi del giorno prima, la tradizione attraverso il recupero di ricette e saperi della memoria, il quinto quarto ovvero il recupero di materie prime spesso scartate perché considerate imperfette o meno pregiate.

A seguito dell’incontro una cena al costo di 25€

WELCOME

Hugo con sciroppo di sambuco e vino frizzante. Az. Agr. Maso Paradiso (TN)

ANTIPASTI

La Cipolla Rossa di Breme (Presidio Slow Food ) Az. Agr. Tagliabue, Breme (PV) La Carabaccia, zuppa di cipolle rinascimentale con mandorle e cannella

Insalata con Graukase (Presidio Slow Food ), olio, aceto e fettine di cipolla

PRIMO

La Zucca Berrettina di Lungavilla (Arca del Gusto) Az. Agr. Lodigiani, Lungavilla (PV)

Risotto alla zucca e Formadi Frant (Presidio Slow Food )

SECONDO

Il Peperone di Carmagnola (Presidio Slow Food) Az. Agr. Crivello, Carmagnola (TO)

Peperoni ripieni di polpa di melanzane , pane raffermo aromatizzato alle erbe e ricotta di pecora

DESSERT

L’Uva. Az. Agr. Cignoli, Pietra dè Giorgi (PV)

Sugolo d’uva

Assortimento di pani e pagnotte di grani antichi

BEVERAGE (Quotazione a parte)

Vini Az. Agr. Cignoli, Pietra dè Giorgi (PV)

Acqua naturale e gasata