Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

AMAzzonia

Il tema che quest’anno declina la proposta culturale del festival è l’Amazzonia prendendo spunto dagli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e dalla campagna “Ama la terra, Ama te stesso, AMAzzonia” di COSPE cui Parco Nord Milano aderisce. 

Quest’ultima nasce per sensibilizzare sullo stato di emergenza in cui si trova la Foresta e i popoli che la abitano, per estendere la consapevolezza che il destino della Foresta è vitale per tutti e per sostenere con atti concreti la resistenza dei popoli che ne sono custodi. Il Festival vuole evidenziare come il destino dell’ultima grande Foresta primordiale è vitale per tutto il Pianeta e vuole farsi parte attiva con atti concreti per aiutare la resistenza dei popoli che ne sono custodi.

Siamo convinti che per difendere l’Amazzonia bisogna conoscerla, sentirsi parte con essa. Per questo è cruciale innanzitutto imparare a riconoscersi dentro la natura, lavorando per ridurre la separatezza in cui viviamo. Rivolgendo lo sguardo verso i popoli che sono immersi e profondamente connessi con la foresta, possiamo immedesimarci e così ripensarci, ritrovarci, correggere l’idea di sfruttamento, così come quella di intoccabilità della foresta, indirizzandoci, perciò, anche ad un uso responsabile e sostenibile. 

 

Allo stesso modo, è fondamentale cominciare a orientarsi con attenzione verso la natura che ci circonda. Ricomponendo il legame – spesso trascurato o ignorato – che abbiamo con il nostro ambiente, si può capire come il territorio locale sia strettamente collegato con quello globale, entrambi minacciati dalle nostre attività e comportamenti e incapacità a vivere in pace. In questa prospettiva, è importante imparare a riconoscere i nostri boschi come ecosistemi complessi e custodi del miglior suolo, a comprendere che senza suolo non c’è bosco e che il suolo ha bisogno anche del bosco e che, dunque, è essenziale farne un uso intelligente.