Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Habitat naturale

Habitat Naturale. Lettura scenica en plein air. É così che la natura combatte la morte: sfidando l'ignoto, mischiandosi disperdendosi. Di e con Elisabetta Granara.

Data:

domenica 9 giugno 2024

Visualizzazioni

-

Tempo di lettura:

2 min

Cos'è

Habitat Naturale. Lettura scenica en plein air. É così che la natura combatte la morte: sfidando l’ignoto, mischiandosi disperdendosi. Di e con Elisabetta Granara.

Habitat Naturale è uno spettacolo teatrale ambientato in un Museo di Storia Naturale e racconta di quando una nuova presenza ha sconvolto la quiete della Direttrice e del Guardiano. Libera da qualsiasi attrezzatura e necessità tecnica, Elisabetta Granara esce dal museo per offrire al pubblico una lettura scenica all’aperto: due personaggi, una sola voce immersa in una natura viva, per raccontare una storia che si sviluppa tra i corridoi di una grande natura morta. Anche se siamo all’aperto, siamo rimasti chiusi dentro con le nostre paure. Ad aspettarci fuori, invece, c’è il futuro: una bestia sconosciuta, una specie in via di evoluzione.

 

«La dispersione è un fenomeno biologico fondamentale
per tutti gli organismi viventi. Attraverso i più vari adattamenti
piante, animali, funghi, protisti, batteri e virus sfidano l’ignoto
per conquistare nuovi spazi, nuove occasioni di vita. La
dispersione spesso assicura la sopravvivenza di una specie,
perché se questa può propagarsi avrà più possibilità di
sopravvivere ai cambiamenti climatici o ambientali locali, a
epidemie e catastrofi naturali. La dispersione è quasi sempre alla
base della formazione stessa di una nuova specie»

Marco Di Domenico, Clandestini.
Animali e piante senza permesso di soggiorno

«Dottoressa: […] Ah, che idea pazza, pazza! Eliminare
il seme! Ma è il seme che dà la dispersione, è la dispersione che
dà la vita! Pensa all’infruttescenza del taraxacum. Pensa ai fiori
della bardana, alle noci di cocco, ai pappi dei pioppi. Quanta
strada sono disposti a fare, pur di arrivare vivi da qualche parte,
aggrappati al pelo degli animali, nascosti dentro le loro feci! […]
È così che la pianta migliora la propria specie. È così che la
natura combatte la morte!»

Elisabetta Granara, Habitat naturale, Atto II, scena 1

Luogo

Cascina Centro Parco

Via Clerici, 150, Sesto San Giovanni

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

09/06/2024